Skip to content

Perché mi fa orrore l’esproprio di Stato proposto sul Corriere

26 gennaio 2011

di Oscar Giannino



Le mani pruderebbero per commentare l’Obama dello Stato dell’Unione stanotte, o le conclusioni – deludenti – della commisuisone bipartisan delk Congresso USA sulle cause della crisi finanziaria. Ma bisogna prima guardarsi il portafoglio dai ladri di Stato che l’attentano incessantemnte. Dunque, primum vivere.  Oggi il Corriere della sera dedica amplissimo spazio a un’intervista con Pellegrino Capaldo, ordinario di economia aziendale alla Sapienza e di navigata esperienza  nella finanza e banca un tempo incentrata nella Capitale. Capaldo, per chi lo conosce, è persona squisita, colta e ammodo. Tra i primi a sostenere e a praticare che le fondazioni bancarie non dovevano essere mute sostenitrici dei manager alla testa di istituti, nemmeno se quei manager si chiamavano Geronzi con cui pure i rapporti e le condivisioni erano state lunghe nel tempo e solide. Una persona notevole, dunque, né cambio idea oggi. Eppure, la sua proposta odierna mi ha suscitato vero orrore. Perché per la prima volta dà munizioni vere, crdibili e purtroppo conmcretamente utilizzabili, al partito della patrimoniale. Il Corriere per di più ha perfidamente titolato la proposta come una “privatizzazione” del debito pubblico, e più d’uno – anche alla Giunta di Confindustrtia stamane – ci è cascato e ha creduto che la proposta consistesse in dismisssoni di Stato.  Macchè, è un furto ai danni di tutti i cittadini: o meglio, dell’85% proprmietari di immobili.Come abbiamo scritto e documentato più volte, le proposte sin qui avanzate di abbattere di 25-30 punti il debito pubblico attraverso imposte patrimoniali sui “più ricchi”, avanzate variamnte da De Benedetti., Amato e financo aal presidente di ssonime Luigi Abete – tanto che il Corriere di oggi scrive che ormai anche gli impremnditori sono pr la patrimoniale! – hanno il difetto essenziale che., per recuiperare diciamo 60 miliardi di euro almeno, dovrebbero estendere la classe dei più ricchi agli almeno 6 milioni di italiani che hanno uno stock patrimoniale pari ad almeno 100mila euro: azzerandoglielo o meglio intaccandogli ben sotto la soglia della povertà il reddito disponbiile annuale. In altre parole gli esteti   statalisti della redistribuzione che farebbe tornare il debito pubblico a medie europee, senza far dismettere nulla allo Stato e anzi lasciando le mani libere alla politica di tonare a fare ancor più deficit e debito pubbliico, potranno anche eccitare la fantasia di chi non soporta che tutti abiamno egule reddito e patrimonio, ma sono di fatto in quei termini totalmente irrealizzabili.

Al contrario oggi Capaldo, che è persona fine, indica una via concreta e fattibile. Sa bene che non si può chiedere agli italiani di devolvere  a pagamento della propria rata patrimoniale di “oro alla Patria ” l’intero propio eddito annuale se non più, e di conseguenza punta alla pancia grossa dello stock di asset detenuti  deale famiglie italiane: il mattone, com’è noto.  Poiché l’intero debito publico italiano equivale al valore di circa il 25% del’intro patrimonio immobilkiare pivato italiano a prezzi di mercato, basta che  su ogni immobile privato si imputi una quota di ammortamento straordoinaria del debito pubblico apri al 12,5% del suo valore, ed ecco che il debito pubblico scende dal 118% del PIl al 59%. Chi ha liquidi somnanti paghi pure subito l’equivalemnte, con tanto di sconto. Altrimenti, per non intaccare il reddito disponibile, il veicolo alk quale si imputeranno le quote immobiliari private potrà anche aspettare, per incassarne il valoe, la cessione di proprietà oppure un congruo lasso temporale di pagamenti reteizzati con tbnto di interessi aggiuntivi da pagare naturalmente.

In questi termini., ohimé, il meccanismo è escutibile in apparenza senza ,mandare alcuno sul lastrico. E vine condito di motivazioni”etiche”. L’avvalorennto del mattone privato è sttao elevatissimo nei decenni, dice Capaldo, ed è più cjhe morale associarne una quota in deinitiva non poi così elevata allo Stato. Ed è ancor più giusto pensand0o a quel 20% o meno di italiani che la casa non l’hanno mai comprata.  Sono ragionamenti che tramutano il furto da parte dello Stato – l’ennesimo, dopo decenni di tassi d’imnteresse sul debito abnorme accollati ai contribuenti da politici scassabilanci – in una sorta di virtù evangelica.

Mi fa orrore, questo modo di ragionare. Lo Stato ceda subito i 325 miliardi di euro che il Tesoro ha stimato essere il patrimonio immobiliare pubblico dismissibile. Sono pur sempre oltre 20 opunti di Pil di debito in meno.  E la politica si inchiodi a obiettivi obbligatori in Costituzioe di azzeramento del deficit e di abbattimentop delle tasse, come in Germania. Se la patrimoniale diventa un’ipotetsi politica vera, come mi pare sempre più, chi la pnsa come noi deve essere disposto a farsi arrestare per protesta. IO, lo giuro.

link: http://www.chicago-blog.it/2011/01/26/perche-mi-fa-orrore-lesproprio-di-stato-proposto-sul-corriere/

From → DEBITO, FISCO, ITALIA

Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: