Skip to content

Sempre più difficile fare impresa in Italia. Peggio solo in Grecia

8 novembre 2010

Fare impresa in Italia è (un pochino) più difficile che fare impresa in Cina. Parola di Banca mondiale, che nell’ultimo rapporto Doing Business confina il nostro paese all’80esimo posto della classifica internazionale. Penultimo tra gli stati membri della Ue, davanti solo alla Grecia, appena meglio dell’Albania e in arretramento di quattro posizioni rispetto all’anno scorso. Lontana perfino dall’apparente mediocrità del Ruanda (58° ma con tanta buona volontà perché l’anno scorso era 70°) e della Bulgaria, stabile al 51°. …Read More

Ma che cosa significa poter fare impresa secondo i canoni dell’International finance corporation (Ifc), il braccio della World Bank che opera col settore privato ed è autore del rapporto? E perché l’Italia è messa così male, a distanza preoccupante anche dai concorrenti diretti come Germania e Francia, rispettivamente al 22° e al 26° posto, per non parlare del plotone di testa formato da Singapore, Hong Kong e Nuova Zelanda?

In un contesto internazionale, aprire, gestire e chiudere un’attività economica nel nostro paese richiede ancora lo sforzo di chi cammina controvento e fa lo slalom al tempo stesso, considerando che stiamo parlando della quinta economia manifatturiera al mondo e del secondo esportatore europeo.

In generale, gli elementi microeconomici esaminati dall’Ifc riguardano gli aspetti procedurali della creazione di un’impresa, con relativi costi d’avviamento e tempi; gli iter per l’ottenimento delle licenze edilizie; la facilità o meno di registrazione della proprietà; l’accesso al credito; le modalità per il pagamento delle imposte e la loro incidenza sul reddito prodotto; il rispetto dei contratti; la capacità di commerciare con l’estero; l’efficienza delle norme che regolano la cessazione di un’attività; la flessibilità del mercato del lavoro.

Nella media ponderata di questi fattori l’Italia non ha compiuto grandi progressi rispetto al rapporto precedente, anche se si è evitato il “microimmobilismo” grazie all’istituzione, nell’aprile scorso, del registro telematico delle imprese.

Colpa della crisi, si dirà, che ha scompaginato l’agenda delle priorità politiche. No. Per intere aree macroeconomiche, Europa dell’Est e Asia Centrale in testa, essa è stata l’occasione per accelerare quelle riforme capaci di rendere la vita meno dura soprattutto alle Pmi, le più esposte alla terribile mutazione genetica subìta dal collasso della finanza nel 2007-2008. «L’85% delle economie di questa zona, tra il 2009 e il 2010 ha realizzato almeno una delle riforme elencate nel rapporto», dice Sylvia Solf, coordinatrice dello studio. «Mentre alcuni paesi sono stati colpiti più duramente di altri dalla crisi – continua l’economista dell’Ifc – la difficoltà o la facilità di avviare e condurre un’attività economica, il rafforzamento della trasparenza e dei diritti di proprietà, il miglioramento dell’efficienza delle dispute commerciali o delle procedure d’insolvenza, possono influenzare il modo in cui le aziende reagiscono alla crisi e riescono a cogliere le nuove opportunità di crescita».

Secondo il dettaglio delle schede paese, ciascuna divisa in 9 categorie microeconomiche, in Italia è mediamente difficile aprire un’attività (68° posto nella classifica generale), proteggere il proprio investimento (59°). È molto difficile (92°) ottenere i permessi di costruzione, accedere ai finanziamenti (89°). Sfibrante pagare le tasse (128° posto in classifica) sia per l’incidenza complessiva sull’utile d’impresa, misurata dall’Ifc al 68,6% del reddito prodotto, sia per il tempo da dedicare ai relativi adempimenti: in media 285 ore all’anno contro, ad esempio, le 135 ore della Danimarca. L’unica nota di merito, alla fine, riguarda la relativa facilità con la quale ormai si può chiudere un’impresa: un 30° posto guadagnato grazie alla riforma complessiva delle procedure fallimentari, introdotta tra il 2006 e il 2007. Il che fa sintetizzare a Sylvia Solf: «Il maggior freno all’attività economica in Italia resta la burocrazia». Una burocrazia ostica come quella cinese, visto che siamo al paradosso di una vicinanza nella classifica Doing Business? L’economista invita a leggere oltre i numerini della hit parade e giura che quella cinese, di burocrazia, è ancora più complessa dell’italica. Si consolino, allora, i nostri imprenditori. E attenuino le continue lamentele sul fare business in Cina, mercato dove tutti vorrebbero essere a vendere e/o produrre. Se sopravvivono in Italia, la Cina non può più far paura, almeno stando alla Banca mondiale.

Perché alla fine, ed è questa la morale del rapporto Ifc, le piccole riforme, spesso meglio di altre, permettono la creazione di nuovi posti di lavoro e la salvaguardia di quelli esistenti. Lo studio cita l’esempio sfortunato di un’impresa di abbigliamento del Kenya, la Bedi Limited, che per un soffio non è riuscita a entrare nella catena dei fornitori globali di Tesco, uno dei più grandi retailer inglesi. Quel soffio ha un nome – burocrazia – ed è la distanza che separa la produzione di articoli scolastici, ultimata nei tempi previsti dal committente, e la consegna della merce, avvenuta invece con grave ritardo e troppo a ridosso della riapertura scolastica (agosto) per colpa di un blocco nel porto di partenza. (tratto da Il Sole 24 Ore)

di Attilio Geroni, da Movimentolibertario.it

link originale: http://www.movimentolibertario.it/index.php?option=com_content&view=article&id=9895:sempre-piu-difficile-fare-impresa-in-italia-e-peggio-solo-in-grecia&catid=1:latest-news

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: