Skip to content

Privatizzare la Rai. Conviene, è giusto, si può.

8 ottobre 2010

Sapete che la Rai è un’azienda patrimonialmente sanissima? Non un euro di debito. E la cosa è strana, se si pensa che il debito è la principale fonte di finanziamento per le aziende che vogliono crescere, investire, innovarsi. Ma la tv pubblica italiana è cosa diversa, si chiama azienda ma opera in un non-mercato, dalla pubblicità ricava ciò che può (di più non potrebbe, stante il tetto normativo) e non quanto la sua quota del mercato televisivo le permetterebbe.

Il resto – si sa – lo prende dal canone, cioè da una tassa su tutti quanti abbiano in casa un apparecchio televisivo.
Ma di questo Libertiamo parlerà lunedì, in un convegno che organizziamo a Roma (all’Hotel Nazionale, in piazza Montecitorio, alle 11) per illustrare la proposta di legge Della Vedova, una misura grazie alla quale si può procedere davvero a quella privatizzazione della tv pubblica che la legge Gasparri prometteva. O meglio, ‘evocava’.

Inutile negare che la proposta di privatizzazione della Rai, che Gianfranco Fini ha rilanciato ieri ai microfoni di Annozero, è ben più che una misura di ristrutturazione aziendale. Se non bastasse la pluridecennale storia di occupazione politica manu militari (da parte di quasi tutti, beninteso, radicali esclusi) della tv pubblica a convincere della bontà della proposta, le vicende degli ultimi mesi sono lì a testimoniare quanti danni possa arrecare al sistema dell’informazione e al pluralismo delle idee e delle posizioni politiche un moloch partitocratico ormai tanto ‘inquinato’.

Nessuno di noi – e certo non Gianfranco Fini – pensa con questa proposta di decretare la fine del ‘servizio pubblico’, anzi. Il significato di questo concetto è ormai molto diverso da quello che aveva un tempo (fa più servizio pubblico Skytg24, GoogleNews e Youtube che il Tg1 o il Tg3). La nostra proposta, allora, punta ad affidare con gara pubblica il servizio, oggi concesso – con molti sprechi e pochi vantaggi per il cittadino – alla TV di Stato. A quel punto, si potrebbero investire importanti risorse pubbliche nella qualità di questo vero servizio pubblico: sarebbero minori, ma molto più utili, della vagonata di soldi che oggi mandano avanti il carrozzone di Viale Mazzini.
Si potrebbe avere insomma un ottimo servizio pubblico.

di Piercamillo Falasca, da Libertiamo.it

link originale: http://www.libertiamo.it/2010/10/08/privatizzare-la-rai-conviene-e-giusto-si-puo/

 

One Comment

Trackbacks & Pingbacks

  1. Santoro e la Rai « Riecho blog

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: